Human – machine: new policies for the future of work

Human – machine: new policies for the future of work

Si è tenuta martedì 14 novembre presso la Sala Zuccari del Senato,  la presentazione di Human – machine: new policies for the future of work, un progetto internazionale sull’impatto dell’automazione nel mondo del lavoro – in termini di produttività, occupazione e new skills –  e sull’individuazione delle migliori policies possibili per affrontarla, promosso dalla Fondazione EYU in partnership con Google, e in collaborazione con alcune tra le più importanti fondazioni progressiste d’Europa – FEPS, Fondation Jean Jaurès, Fundação ResPublica, Johannes Mihkelson Centre.

Nel corso dell’evento è stato presentato il team dei quattordici ricercatori italiani ed europei, coordinati da Carlo Stagnaro, al quale è stato affidato lo studio e sono stati posti i primi interrogativi ai quali questo progetto vuole dare una risposta.

L’iniziativa però è stata anche  l’occasione per avviare un confronto sul tema, che si spera possa diventare costante, tra rappresentanti del mondo accademico, politico ed istituzionale. Tra gli ospiti intervenuti: il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti,  il Consigliere economico della Presidenza del Consiglio dei Ministri Marco Leonardi – la Responsabile “Dipartimento Lavoro” del Partito DemocraticoChiara Gribaudo –  il Responsabile “Dipartimento Innovazione” del Partito Democratico Sergio Boccadutri –  e il Deputy Secretary General del Partito socialista europeo Giacomo Filibeck.

Tra novembre 2017 e gennaio 2018, il progetto verrà presentato e discusso in altre tre capitali europee, Tallinn, Lisbona e Parigi. La versione definitiva dello studio sarà, poi, presentata a Bruxelles nel mese di febbraio. 

3 thoughts on “Human – machine: new policies for the future of work

  1. argomento e persone attive di livello.
    al fine di condividere con più ampie fasce di lavoratori o persone interessate, date traduzione dei power point

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *